Articoli con tag potere

1984/2014: CHIUDERE IL CERCHIO?

Vi è capitato di leggere The Circle, l’ultimo romanzo di Dave Eggers?

Se si, quanto avete trovato inquietante il mondo di The Circle, che viene dipinto nelle prime pagine del libro come “heaven”, paradiso, e che fa immediatamente pensare al suo contrario?

Sembra essere un mondo davvero perfetto quello di The Circle, in cui Mae, la giovane protagonista, entra dopo l’assunzione. Un paradiso riservato a una elite globale accuratamente selezionata, in cui ognuno grazie al proprio talento acquista immediatamente innumerevoli privilegi: un campus idilliaco in cui lavorare ma anche divertirsi e passare il proprio tempo libero, sport, cibo, negozi, feste, tutto viene messo a libera disposizione dei “circlers”, in modo che ognuno possa avere il meglio poiché, per definizione, ognuno dà il meglio di se stesso, anzi dà “tutto se stesso”. Infatti, proprio questo sembra essere il problema: nel mondo apparentemente perfetto di  The Circle ci sono degli obblighi precisi, anzi c’è un obbligo fondamentale, l’obbligo di socializzare e condividere tutto ciò che è possibile in ogni possibile momento di vita. Perchè soltanto la “trasparenza totale” agli occhi del mondo (trasparenza, una parola utilizzata sempre piu’a sproposito che sta diventando molto problematica) può portare a raggiungere l’obiettivo finale, quello di “chiudere il cerchio”, condividendo tutto, ovviamente sempre online, tutti sempre connessi con tutti, in modo da diventare perfettamente “trasparenti”.

La protagonista sembra avere qualche problema, all’inizio, nella decodifica delle regole esplicite, ma soprattutto implicite, del nuovo mondo; abbozza anche qualche debole tentativo di fuga, o almeno di blanda ribellione, di fronte al mantra dello sharing totale – e infatti una delle parti piu’ belle del libro è la sua fuga in canoa, che fa immaginare un possibile diverso epilogo alla storia… –; ma subito si adegua perfettamente, e molto velocemente, a quanto le viene richiesto, fino a diventare la musa del nuovo mondo, piu’ realista del re, aderendo totalmente alla missione della trasparenza completa per cui ogni attimo della sua vita viene condiviso con milioni di seguaci. Una missione che la rende incredibilmente popolare, per la quale è disposta a sacrificare amicizie e sentimenti.

Tre frasi, coniate dalla protagonista sulla via della redenzione, rappresentano il mantra, la filosofia, del libro:

  1. secrets are lies: i segreti sono bugie
  2. sharing is caring: condividere significa prendersi cura degli altri
  3. privacy is theft: la privacy è un furto

All’origine, un’idea di bene comune che vuole eliminare ogni differenza, ogni variazione dallo standard generale di comportamento; poichè tutti vogliamo la stessa cosa, il bene comune, e poichè solo insieme possiamo raggiungerlo, il modo migliore per ottenere l’obiettivo è essere sempre tutti sotto gli occhi di tutti. La natura umana sa distinguere – naturalmente?- il bene dal male, e dunque essere sempre sotto gli occhi di tutti garantisce dalla messa in atto di comportamenti devianti, che avvengono solo quando sappiamo che nessuno ci guarda, poiché ognuno tende a coprire e nascondere i propri cattivi comportamenti (secrets are lies).

Tuttavia, se accettiamo di condividere tutto di noi accettiamo anche implicitamente di tenere a freno la nostra tendenza a trasgredire, ci mettiamo a disposizione degli altri, possiamo contribuire ad aumentare attraverso le nostre singole esperienze le conoscenze degli altri, e dunque la conoscenza comune. Da qui l’idea che “sharing is caring”, condividere vuol dire prendersi cura degli altri, per cui non solo nulla deve essere tenuto segreto, ma nulla deve essere mai cancellato…. la funzione “delete” non esiste nel nuovo universo online. Ma non solo il presente, anche il passato deve essere condiviso, e anche la memoria personale deve diventare oggetto di condivisione. Dunque la memoria del passato si ricostruisce attraverso la connessione spietata di tutti i link che abbiamo sparso via via per strada, bit fuori controllo, brandelli di memoria che credevamo, o speravamo, fossero persi per sempre, e che ci inchiodano invece alle nostre biografie personali, dalle quali l’inconscio viene per sempre eliminato, con danni irreparabili.

Ancora, la privacy nel nuovo mondo è un furto. Un’affermazione di marxiana memoria che potrebbe trovare vasti consensi, poichè alla fin fine privacy coincide con proprietà, che non è piu’ fatta di beni materiali, ma prevalentemente di beni immateriali, di bit, di informazioni, di memorie, di conoscenze, che non devono mai, per nessuna ragione, essere cancellate. La maggior parte dei beni materiali sono gratuiti nel mondo di The Circle, ma la funzione “delete” è vietata, sopra ogni altra cosa.

Qual è dunque la cosa che piu’ inquieta nel mondo di The Circle – che potremmo a questo punto sostituire senza troppi problemi con Google, che solo recentemente ci ha dato il permesso di scomparire dietro richiesta, o con Fabebook…-? Non tanto il triste epilogo, che vede il fondatore diventare prigioniero del mondo che lui stesso ha creato; non tanto la metamorfosi dell’eroina, che inizialmente sembra poter rappresentare il provvidenziale sassolino nell’ingranaggio perfetto, e che invece si rivela alla fine la musa del nuovo ordine.

La cosa che inquieta di piu’, a mi avviso, è che quello che qui si descrive è un controllo totale ben diverso da quello orwelliano del grande fratello, in cui una minoranza tirannica domina una maggioranza passiva. Quello che qui si descrive è invece una maggioranza felice di “followers” che hanno capito qual è il loro potere, hanno imparato a controllare il mondo con un click. Perché nell’universo online i presunti leader sono diventati loro succubi, e dipendono totalmente proprio da quel piccolo, unico, singolo click; perché i presunti leader vivono di percentuali, indici di gradimento, numero di collegamenti, che sono fatti di numeri incredibilmente grandi ma nascondono una piccola, semplice verità: che ogni click passa attraverso un singolo dito, e che a quel dito, una volta avviato il contatto, non c’è piu’ modo di sfuggire…. il re è nudo, ma a quale prezzo?

, , , ,

1 Commento

Lavorare di meno grazie alle tecnologie del web (!?)

Da qualche decennio, da quando cioè i computer hanno preso prepotentemente il controllo delle transazioni informative all’interno delle organizzazioni, tutti avrebbero pensato a un progressiva diminuzione delle ore lavorative, magari senza decurtazione nel salario, visto che la produttività in teoria non ne avrebbe risentito. Un’equazione semplice: fintanto che si riesce ad aumentare la produzione, finchè si vende, la tecnologia non porta disoccupazione, la forza lavoro rimane costante e quello che si allarga sono i volumi di produzione, i mercati. Peccato però che i mercati non possano in generale espandersi all’infinito, e qualche frattura nel sistema finanziario ci ha anche fatto capire che le ottiche di investimento non sono più sufficienti al grado di miopia di oggi.

Perchè oggi con sistemi informativi da brivido l’impiegato medio continua a fare i turni di 8 ore? Come quantifichiamo oggi la produttività rispetto alle mansioni, quindi l’orario salariato? Stare in ufficio otto ore mi è sempre sembrata una tortura. Forse ero io ad essere troppo rapido o troppo sbrigativo e superficiale nel lavoro che svolgevo. Ricordo alcuni casi e cioè in concomitanza di flussi lavorativi eccezionali che in alcuni settori avvengono stagionalmente o comunque a singhiozzo dove i carichi di lavoro mi sembravano potersi e doversi spingere a occupare tutta la mia giornata, anche per più di otto. Ma questo mai un anno intero, a meno che io abbia sempre e solo frequentato organizzazioni pigre. Pensare che organizzazioni di anche 80 persone necessitino il loro impiego ininterrotto per otto ore tutti i giorni mi sembra indice di inefficienza. Gli scandali dei dipendenti pubblici di Arezzo che si assentano impunemente a fare le loro commissioni (i famosi “porci comodi”) è indicativo: ma in fondo in ufficio, cosa avevano da fare?

La rivoluzione tecnologica ha portato nel corso dei secoli ad una progressiva diminuzione delle ore annue dedicate al lavoro ( dalle 3000 ore l’anno di inizio secolo alle 1700-1800 ore di lavoro di oggi). Siamo forse arrivati al minimo storico? Perchè non si può ulteriormente scendere? E perchè costringere in cattività lavoratori anche se inoccupati parte della giornata? Tanto poi lo sappiamo che passano il tempo sui social network o alle macchinette del caffè.

Nelle ultime settimane ho fatto alcuni colloqui di lavoro da casa via Skype e un amico mi faceva notare come un candidato (ma anche un esaminatore) potesse, sotto il suo mezzo busto incravattato e ingiacchettato, stare in mutande e con i piedi in ammollo nel pediluvio continuando a mantenere un’aura di rispettabilità.

Una plausibile soluzione agli enigmi del binomio vita-lavoro sembra essere offerta dal mai decollato telelavoro o in genere dalla non-assenza creata dalle tecnologie connettive. Se possiamo lavorare ovunque e dovunque (non per tutti, ma per molti) allora non smettiamo mai di lavorare, siamo sempre on e mai off. Il problema dell’orario di lavoro passa in secondo piano dato che possiamo lavorare a tutte le ore, ci viene chiesto di risolvere problemi alle 10 di sera, o al cinema, nella pausa tra primo e secondo tempo. E in più nel mio “tempo libero” intrattengo relazioni informali tramite i social network che a parte per qualche grigio e vetusto dirigente (chi in Italia normalmente detiene il potere) producono benefici effetti di ritorno per l’azienda stessa in termini relazionali, di problem solving e di diffusione delle informazioni. Il grigio e vetusto dirigente però ha il costante terrore dell’autonomia, se chi lavora non visto da qualche altra parte faccia delle pause più lunghe del necessario, se rispetta i tempi convenuti, se esegue correttamente il compito affidatogli. E così moltiplica i controlli, o meglio continua a utilizzare quelli in atto da tempo, le catene e i lucchetti dei rematori di galere.

Il problema è spinoso, lo riconosco c’è ancora in giro chi non può fare a meno di sentirsi un Padre controllore, invece che un Peer, un fratello con cui condividere le missioni e su cui fare complice affidamento.

Quindi, tuona la voce del Padre, in questa Casa come si fa da sempre si entra alle 9 e si esce alle 18, siamo d’accordo!?

, , , , ,

5 commenti

Il 2.0 al lavoro

La nuova Rete – fatta di social software, comunità, partecipazione paritaria – è un luogo di interazione che coltiva intelligenza collettiva e amplia le possibilità collaborative di gestione e produzione della conoscenza. Gli esempi, sotto gli occhi di tutti e ormai collaudati, sono numerosi: Wikipedia, Twitter, i sistemi operativi open… Un nuovo paradigma di peer collaboration sta emergendo in campi creativi eterogenei dando vita a entità produttive aperte, trasparenti, dai processi decisionali decentralizzati e realmente diffusi.

Ma la collaborazione tra pari è possibile, e auspicabile, anche al di fuori della Rete, del virtuale, entro le dinamiche concrete di una organizzazione? Insomma il 2.0 funziona in azienda? Oppure è una ennesima etichetta da appiccicare a forme di bottom-up, di gerarchia da scalare dal basso.

Ho dedicato gli ultimi due anni all’approfondimento delle tecnologie e delle pratiche peer applicate in ambiti organizzativi. Ho lavorato ad una tesi specialistica (“Enterprise 2.0: nuove forme organizzative nell’era dei social software”) muovendo dall’idea di Web 2.0 come fenomeno psicosociale, oltre che tecnologico.

La lezione che le organizzazioni knowledge-intensive sono chiamate ad assimilare non è infatti solo quella delle “tecnologie” 2.0: n0n si tratta solo di nuovi pattern tecnologici (nell’ingegneria del software un design pattern – o schema di progettazione – è definito come “soluzione progettuale generale a un problema ricorrente”, fonte: Wikipedia); si tratta di nuovi pattern mentali, nuovi modi di pensare, di essere, di essere con gli altri, di lavorare.

L’Enterprise 2.0 non è perciò quella organizzazione che usa i social media come mero strumento per incrementare i flussi di comunicazione tra gli attori; è invece quella che riconosce nel 2.o più che una “soluzione progettuale  a un problema ricorrente”: il 2.0, tecnologie e mindset, è una rivoluzione progettuale in grado non solo di incrementare la comunicazione verso la soluzione di problemi ricorrenti; esso cambia il “pensare”, cambia l’orizzonte problemico, cambia l’idea stessa di “organizzare”.

Emergono passaggi critici, mai vissuti prima: dalla gerarchia alla contingenza, dall’autorità all’autorevolezza, dal potere per sé al potere come possibilità generativa. Qualcosa che tocca il leader: leadership 2.0 non è la “proprietà” esclusiva di una persona, ma un processo inclusivo di influenzamento all’innovazione.

È proprio questo il punto:  l’innovazione, il pensare qualcosa che non c’era. L’organizzazione chiusa strutturata sul comando-controllo viene sempre più spesso superata in capacità innovativa da modelli organizzativi aperti, auto-organizzanti; modelli di peer collaboration nati in ambienti visionari quali quelli dell’open software.

La visione che ora un buon leader deve elaborare è quella di creare, con i propri collaboratori, un’organizzazione non più “istituzione”, piuttosto un “istituente” in continuo divenire. Sarà semplice? Semplice quanto accettare che “leader” e “collaboratore” diventano posizioni di asimmetria contigente, reciproca.

La scelta del leader sta dunque tra il “potere” e la “possibilità”, tra il presente e il futuro. Chi innova sa che il presente tende già ad essere passato.

Provo a sistematizzare alcuni temi in queste slide:

Più che di tesi, si tratta di spunti. Al lavoro!

, , , , , , , , , , , ,

2 commenti