Articoli con tag rivolta

950 grammi di potere

950 grammi di potere, un concentrato di rabbia distillato in capsule di piombo, un simbolo dell’Ordine e della Verità. Lo abbiamo visto tutti e ci siamo schierati con i buoni, oppure con i cattivi. Ci siamo schierati senza potere o voler capire, affrettandoci a parlare di ritorno degli anni ’70. Ma oggi molto è cambiato.

Il post precedente ha avuto molti riscontri. Qualcuno ha lasciato commenti, altri mi hanno scritto personalmente. Altri hanno telefonato. E poi, a poche ore di distanza, i fatti di Roma.

In un bellissimo saggio sulla fotografia dal titolo “Camera chiara” Roland Barthes parla del punctum. Un fotografo dovrebbe chiedersi qual è il dettaglio che attira l’attenzione dell’osservatore, l’elemento perturbante, qualcosa che rivela una verità da interpretare.

Ormai sono molti giorni che questa foto è stata pubblicata, ma non posso fare a meno di continuare a guardare quel punto: la mano con la pistola. E’ il centro di un vortice di corpi, urla, sudore, rabbia, dolore, paura. Davanti al grembo del poliziotto, l’arma è un oggetto sacro, generatore nella sua immobilità di un gorgo di pulsioni bestiali. Il suo titolare la trattiene, come un sacerdote, come un martire.

Ma cos’è la pistola? Un potere violentissimo e distruttivo che l’istituzione conserva nel suo grembo, come gli dei conservavano il fuoco prima di Prometeo. Un simbolo da contendere ad un potere che nega e che si intende violare, umiliare e offendere. Un diritto di affermare il proprio esistere, attraverso la possibilità di negare l’altro.

Quell’arma è la nostra arma. La possibilità di uscire dai propri schemi mentali, dalle proprie abitudini, dalle proprie idee rifugio. L’arma è un feto abnorme partorito dalle violente contraddizioni del nostro tempo. Ad attenderla non c’è il sorriso rassicurante della levatrice, ma il caos primigenio ed indifferenziato. Attraversare il caos, come i maestri ci hanno insegnato, rende possibile il cambiamento. Nella prospettiva di un Natale di quiete, quest’anno sotto la neve del Presepe, si risvegliano gli istinti di lotta.

Annunci

, , ,

11 commenti